Il gruppo britannico Jaguar Land Rover ha creato il progetto denominato Reality che ha l'obbiettivo di diffondere l'impiego dell'alluminio riciclato nella fabbricazione delle scocche da montare sulle automobili prodotte.
L'azienda vuole così confermare il suo impegno per il rispetto dell'ambiente cercando di essere, nel contempo, un esempio per gli altri operatori di un settore spesso al centro di polemiche ecologiche e considerato poco sensibile alle tematiche della green economy.

Reality è sostanzialmente un processo di riciclo dell'alluminio che rientra nel programma REALCAR, sviluppato per riutilizzare il metallo derivante dalla rottamazione dei mezzi.
L'inziativa mira quindi a creare un circuito chiuso, e virtuoso, che consenta di abbattere gli sprechi e di limitare le emissioni carboniose conseguenti dalla produzione di nuova materia prima tramite l'estrazione e la trasformazione in prodotto.
In pratica l'alluminio utilizzato per produrre le scocche delle Land Rover viene recuperato per produrre altre scocche; virtualmente tale progetto potrebbe essere ripetuto all'infinito, perché l'alluminio riciclato ha le stesse proprietà di quello originario.

REALCAR non vede coinvolta soltanto la Land Rover, ma anche alcuni suoi fornitori tra cui Norton Aluminium, Brunel University London, Zyomax and Innoval Technology, Innovate UK e Stadco.
I risultati raggiunti fino ad ora sarebbero più che incoraggianti con più di 75 mila tonnellate di scarti di alluminio successivamente reimpiegati nella fabbricazione delle scocche nella produzione del biennio compreso tra il 2016 e lo scorso anno.

Il costo di REALCAR è stato relativamente contenuto, richiedendo un investimento di circa 13 milioni di sterline.
Questa somma è stata impiegata in buona parte per la realizzazione di impianti di stoccaggio e per la creazione di laboratori, della procedura di fusione si occupa invece la Novelis, società leader mondiale nel settore della laminazione e del riciclo dell'alluminio.

E' interessante segnalare che le scocche non sono l'unico prodotto derivante da quest'opera di riciclo, il poliuretano recuperato dalla rottamazione dei veicoli grazie a Second Life, iniziativa collaterale a Realty, è stato utilizzato, per esempio, per la realizzazione di tavole da surf e paddle board diminuendo ulteriormente la generazione degli sprechi.

Acquistiamo il tuo scarto di alluminio

La ditta Eredi di Santoro Emanuele S.r.l. si occupa di acquistare e ritirare gli scarti in alluminio delle produzioni industriali.

Se i vostri processi produttivi prevedono l'impiego di alluminio e siete interessati allo smaltimento dei vostri rifiuti, vi invitiamo a contattarci. Vi offriremo la migliore valutazione per il ritiro dei vostri scarti di produzione.

Ultimi articoli su alluminio e riciclo